ULTIME NEWS
Tutte le novità da Milano Traduzioni



Sconti e convenzioni

  • Sconti traduzione
    Sconti a forfait fino al 30% in meno rispetto alla tariffa standard per grandi volumi di traduzione e per convenzioni aziendali. Contattaci!

Richiedi un preventivo gratuito!

  • E' possibile richiedere un preventivo gratuito per una traduzione o interpretariato contattandoci a questi indirizzi
  • E-mail: info@milanotraduzioni.com
    info@milantranslations.com
  • 2 linee telefoniche
    02/87196909 - 02/87197899
  • Presso la nostra sede in via Falcone, 7 20123 Milano c/o Business Centre Polaris, a 200 m dal Duomo

  • Perchè scegliere la nostra agenzia di traduzioni?

Interpreti di qualità

  • Sconti traduzione

Alcuni servizi per la lingua ‘Legalizzazione’

L’apostille è un timbro riconosciuto a livello internazionale tra i paesi che aderiscono alla convenzione dell’Aja del 1961. Questo timbro permette di verificare l’autenticità di un documento. E’ fondamentale avere un timbro di apostille per i documenti (soprattutto anagrafici) rilasciati all’estero per il pieno valore legale in Italia.
Per quanto riguarda invece i documenti italiani l’apostille si può apporre presso la Prefettura (per esempio per tutti i certificati rilasciati dal proprio comune di residenza) oppure attraverso la Procura della Repubblica. In alcuni casi grazie ad accordi speciali tra vari paesi è possibile non apporre l’apostilla. Consulta in questo caso i paesi che sono esenti dalla legalizzazione e dall’apostilla.

Che differenza c’è tra un’apostille e la legalizzazione?

In pratica non c’è alcuna differenza: entrambi i timbri hanno la funzione di verificare l’autenticità di un documento estero. Si parla più propriamente di legalizzazione quando i documenti emessi dal paese oppure verso cui dobbiamo “esportare” i nostri documenti riguardano uno stato che non aderisce alla convenzione dell’Aja del 1961.

La legalizzazione in cosa si differenzia da un’apostilla?

In virtù di accordi particolari è possibile non apporre le Apostille dell’Aja o la legalizzazione per i documenti rilasciati dagli stati indicati di seguito:

Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia (per i documenti rilasciati dopo il 31/10/2010), Lussemburgo, Olanda (estesa ad Antille Olandesi e Aruba), Polonia, Portogallo, Turchia.

Per i documenti dunque che debbono essere presentati presso autorità degli stati indicati è sufficiente una traduzione giurata e non legalizzata. Allo stesso modo anche in Italia non sarà necessario apporre alcuna apostilla o legalizzazione, essendo sufficiente la traduzione giurata presso un tribunale italiano.

Sono esenti da legalizzazioni gli atti redatti dai rappresentanti diplomatici e consolari dei seguenti Paesi:
Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Liechtenstein, Lussemburgo, Moldova, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, San Marino, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.